Rassegna stampa

Franceschini: basta bivacchi nelle città d'arte

di Dario Franceschini,  pubblicato il 8 luglio 2015 , 651 letture
"Noi la strategia per fermare l'assalto ce l'abbiamo, il resto lo devono fare i sindaci e i prefetti". Così il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, in una intervista a Repubblica, commenta le parole del sindaco di Barcellona Ada Colau che ha motivato il fermo della concessione di nuove licenze a locali ed alberghi affermando che "non diventeremo come Venezia". Ossia un baraccone di locali e movida.

Il ministro ricorda che "l'anno scorso ho fatto la norma perché i camion bar venissero allontanati dai luoghi dell'arte, e finalmente vedo che qualcuno la sta facendo applicare". E sottolinea che "per far rispettare il decoro ci vogliono le ordinanze dei Comuni e il controllo delle città da parte delle forze dell'ordine. Ma la strategia vera è un'altra: puntare su un turismo diverso. D'eccellenza". Basta cioè con le masse di pullman: "In Italia devono tornare i viaggiatori colti, e noi dobbiamo portarli oltre il triangolo Roma-Venezia-Firenze. Puntando sul museo diffuso, sulle incredibili bellezze che pochi vanno a visitare. Dalla Reggia di Caserta ai Bronzi di Riace. Non mi interessa il turista che scende dalla nave da crociera, si fa portare all'outlet, poi fa una foto al Colosseo e riparte. Chi arriva deve poter scoprire le nostre eccellenze" e "questi viaggiatori li dovremo andare a cercare con nuove strategie di marketing".

Franceschini evidenzia che "abbiamo destinato buona parte dei nostri fondi europei a siti minori, ma che potrebbero avere un grande sviluppo. Anche a Firenze e Venezia ci sono luoghi straordinari che nessuno va a visitare. O a Roma. Penso alle Terme di Diocleziano. Eppure sono davanti alla stazione Termini".

Franceschini precisa che "non si tratta di impedire l'accesso ai luoghi simbolo, ma di far conoscere tutto il resto. E non solo musei o siti archeologici. Noi abbiamo 800 chilometri di ferrovie storiche e le stiamo rilanciando. Per il Giubileo inaugureremo un 'cammino', dal santuario della Verna fino in Puglia, che non ha nulla da invidiare a Santiago de Compostela. Per questo è nata la nuova Enit, sotto la direzione di Evelina Christillin".
tag
servizi

Argomenti

dillo ai tuoi amici

Inserisci le email separate da una virgola  
il tuo nome  
la tua email  
un breve messaggio  
 
L'utente, nel premere il pulsante "invia", dichiara di aver letto e approvato l'informativa sul trattamento dei dati.