Comunicato stampa

Campana: la Farnesina continui a vigilare sulla vicenda di Andrea Giuliano

"La vicenda, denunciata dal quotidiano La Stampa, è importante e grave, perché riguarda non solo discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, ma anche mancanza di libertà di espressione, opinione e satira. Su Andrea è stata messa una taglia e architettata una campagna d'odio che non può essere tollerata in uno Stato membro dell'Ue". Così la responsabile Welfare del Pd sul nostro connazionale vittima di una campagna d'odio in Ungheria

di Micaela Campana,  pubblicato il 7 luglio 2015 , 3858 letture
andrea giuliano  andrea-giuliano-2015
"La vicenda di Andrea Giuliano, denunciata dal quotidiano La Stampa, è importante e grave, perché riguarda non solo discriminazioni basate sull'orientamento sessuale, ma anche mancanza di libertà di espressione, opinione e satira. Su Andrea è stata messa una taglia e architettata una campagna d'odio che non può essere tollerata in uno Stato membro dell'Unione europea. Seguito e minacciato, Andrea è stato costretto a cambiare più volte casa e alla fine ha perso anche il lavoro. Nel ringraziare la Farnesina per la risposta all'interrogazione sottoscritta da 78 deputati del Pd e soprattutto dell'interessamento delle nostre rappresentanze diplomatiche a Budapest, che hanno seguito come osservatori il processo per diffamazione a carico del nostro connazionale, vorrei invitare chi fino ad oggi e si è occupato di questa vicenda a non abbandonare Andrea, perché non possiamo permettere che un nostro connazionale all'estero sia fatto oggetto di una simile manifestazione d'odio per la sola colpa di aver partecipato ad un gay pride con un cartellone ironico". Lo ha dichiarato Micaela Campana, responsabile Diritti del Pd replicando questa mattina in Aula a Montecitorio replicando al question time sul nostro connazionale vittima di una campagna d'odio in Ungheria.

"A nome dei deputati del Pd ho chiesto che le rappresentanze diplomatiche continuino a vigilare affinché i processi a carico di Andrea si svolgano in maniera giusta e che quelli in cui Andrea è parte attrice abbiano inizio con la stessa velocità. Non vorremmo che, anche nel corso della giustizia, il nostro connazionale dovesse subire qualche forma di discriminazione volta ad indebolirne la posizione" ha concluso la deputata democratica.
tag
servizi

Argomenti

dillo ai tuoi amici

Inserisci le email separate da una virgola  
il tuo nome  
la tua email  
un breve messaggio  
 
L'utente, nel premere il pulsante "invia", dichiara di aver letto e approvato l'informativa sul trattamento dei dati.