Rassegna stampa

Terrorismo, Latorre: "Dobbiamo essere pronti a proteggerci"

Il Presidente della Commissione Difesa al Senato, in un'intervista a Il Messaggero evidenza quanto sia "urgente risolvere la crisi di Tripoli. L'Italia, nel quadro di una missione internazionale è disposta a svolgere un ruolo attivo"

di Nicola Latorre,  pubblicato il 17 aprile 2015 , 1381 letture
10d_20120903_FESTA_DEMOCRATICA_QUALE_POLITICA_PER_IL_FUTURO_TABACCI_LATORRE_Youdem.jpg
"Non possiamo non essere preoccupati per quanto sta accadendo nel Mediterraneo. Dobbiamo essere pronti in ogni caso a proteggerci e a contenere il fenomeno del terrorismo che, com'è noto, usa anche l'emigrazione per finanziarsi". Lo afferma, in un'intervista al "Messaggero", il presidente della commissione Difesa del Senato, Nicola Latorre, secondo cui "il nodo è la Libia. Verso la quale l'Italia, nel quadro di una missione internazionale che sia dell'Onu, della Nato o dei Paesi che partecipano alla coalizione anti Isis, è disposta a svolgere un ruolo attivo. Bisogna, con pazienza ma senza esitazioni, costruire le basi per una collaborazione fra le varie forze libiche che oggi sono in campo".

"L'Italia sta continuando ad accogliere i migranti ma è evidente che alla lunga rischiamo di non reggere. Io penso che sia miserabile la strumentalizzazione a fini elettorali del fenomeno che sta facendo la Lega Nord di Salvini ma questo non vuol dire che dobbiamo cadere nell'eccesso opposto. Dobbiamo arginare e via via rendere governabile il fenomeno dell'emigrazione dall'Africa e dalle altre aree di crisi, in parte, risolvendo il caso Libia, in parte con un maggior coinvolgimento dell'Europa che devi farsi carico anche di una quota di accoglienza. La sottovalutazione del fenomeno da parte dell'Ue -conclude Latorre-, nonostante l'avvio della missione Triton, continua ad essere intollerabile".
tag
servizi

Argomenti

dillo ai tuoi amici

Inserisci le email separate da una virgola  
il tuo nome  
la tua email  
un breve messaggio  
 
L'utente, nel premere il pulsante "invia", dichiara di aver letto e approvato l'informativa sul trattamento dei dati.