Articolo

"I cittadini sanno che non gli chiederemo nuove tasse"

"Con il mio governo è finito il tempo dei sacrifici". Il premier illustra i punti salienti del Def presentato in Consiglio dei Ministri: "prevista una crescita dello 0,7% anche se ci sono stime dell'1%". L'approvazione venerdì mattina

di Matteo Renzi,  pubblicato il 7 aprile 2015 , 1321 letture
Renzi alla Camera  renzi_camera
"E' finito il tempo in cui i politici chiedevano i sacrifici ai cittadini. I cittadini sanno che da questo governo non vengono richieste nuove tasse". Così il premier Matteo Renzi, in conferenza stampa a palazzo Chigi, al termine della prima discussione in Cdm sul def.

"Abbiamo fatto gli 80 euro, il taglio dell'Irap, la detassazione sul lavoro e continueremo. Certo c'è bisogno di far dimagrire un po’ la macchina pubblica, ma se i sacrifici li fanno i politici male non fa: se saltano poltrone nei Cda delle partecipate non è un sacrificio...", ha concluso Renzi.

"A settembre-ottobre rifletteremo su dove mettere i soldi che arriveranno dalla spending" e dalla voluntary discolsure: "Sulle clausole di salvaguardia, o per ridurre le tasse, o magari investire su determinate priorità che in quel momento ci sembreranno opportune".

Il presidente del Consiglio ribadisce che nel Def "siamo stati molto prudenti nelle stime: la voluntary disclosure quanto potrà portare? Qualche miliardo, ma noi abbiamo messo un euro, perché vogliamo essere prudenti". Ancora: "Noi abbiamo previsto una crescita dello 0,7% anche se ci sono stime dell'1%". Ma solo a settembre-ottobre si deciderà dove allocare le risorse che saranno disponibili".

A proposito delle proteste dell'Anci per il rischio di tagli ai loro bilanci, Renzi ha assicurato: "Incontrerò i Comuni prima di venerdì, se serve anche le Regioni. Ma ribadisco: non ci sono tagli per il 2015, punto".Poi, ha aggiunto "che la spending debba continuare è un dato di fatto".

Il premier ha fatto l'esempio delle province: "Se si devono occupare solo di strade e scuole, è chiaro che immaginiamo un taglio. Se ragioni sulla base del budget, c'è un taglio: ma bisogna cambiare la mentalità, e certe osservazioni sono stravaganti. In prospettiva rimettiamo in pari le province con le deleghe che abbiamo loro tolto". Poi, ha aggiunto, "c'è una discussione aperta con i sindaci e gli amministratori. E' normale che uno dei migliori amministratori come Fassino dica che ha il problema che la provincia di Torino ha violato il patto di Stabilità e ora lui deve scontare le conseguenze. La discussione è aperta".


Rispondendo ad una domanda sulla sostituzione di Graziano Delrio, il premier ha confermato: "venerdì mattina ci sarà il nuovo, o la nuova, sottosegretario alla presidenza del Consiglio".

Il comunicato della Presidenza del Consiglio
tag
servizi

Argomenti

dillo ai tuoi amici

Inserisci le email separate da una virgola  
il tuo nome  
la tua email  
un breve messaggio  
 
L'utente, nel premere il pulsante "invia", dichiara di aver letto e approvato l'informativa sul trattamento dei dati.